Nelle ultime settimane la Facoltà di Giurisprudenza ha lavorato intensamente per organizzare al meglio la ripartenza dell’attività didattica nel prossimo a.a. (2020/2021).

Attualmente, le regole vigenti sulla sicurezza e sul distanziamento sociale, ai fini del contenimento del contagio da COVID-19, sono ancora assai restrittive, anche per ciò che riguarda la fruizione degli spazi disponibili all’interno delle Università. A tale riguardo, infatti, valgono ancora indicazioni molto rigorose: distanziamento di un metro tra le persone, divieto di assembramento, sanificazione degli spazi ad ogni cambio di utente, definizione di flussi separati di ingresso e uscita dagli edifici.

L’applicazione di queste misure consente di utilizzare le normali aule presenti nelle diverse sedi al solo 25% della loro capienza. Oltre a ciò, le Università sono anche chiamate a limitare gli spostamenti sul territorio nazionale, per non sovraccaricare i mezzi pubblici e creare situazioni aggiuntive di rischio da contagio. E devono garantire la didattica a distanza sia a tutti coloro che si trovino in quarantena, sia a chi, per questioni di difficoltà logistica connesse all’emergenza sanitaria, ritenesse preferibile non spostarsi dalla propria residenza.

In questo quadro – che non è certo semplice e che limita di molto le scelte potenzialmente effettuabili dall’intero Ateneo trentino - la Facoltà di Giurisprudenza ha cercato di elaborare soluzioni volte a perseguire comunque un graduale rientro in sede degli studenti, dei docenti e del personale amministrativo, con la ripresa delle lezioni in presenza nel mese di settembre.

Sarà una ripresa attenta e progressiva, in prima battuta riservata a tutti i corsi del I anno. Quanto ai corsi degli anni successivi al I, stante le limitazioni sopra descritte, cominceranno online, almeno per il primo semestre. Potranno, invece, svolgersi regolarmente le attività della Scuola di Dottorato e della Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali.

Laddove la situazione sanitaria migliorasse, e si potessero dunque osservare regole di sicurezza e distanziamento più favorevoli, la Facoltà ha anche previsto la possibilità che già da settembre vi possa essere un ampliamento della presenza degli studenti, e ciò anche per quanto riguarda i corsi degli anni successivi al I.

Un’opzione analoga vale anche per gli esami: nel mese di settembre proseguiranno in modalità online, ma già tra novembre e dicembre la Facoltà sarà in grado di allestire soluzioni tali da consentirne lo svolgimento, dapprima parziale, anche in presenza.

Tutti gli studenti – sia del Corso magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza, sia del Corso triennale in Comparative European and International Legal Studies – potranno consultare sul portale EasyAcademy gli orari dei corsi, attualmente in fase di definizione.

Nell’apposita area download (qui a fianco) sono già disponibili gli orari delle lezioni in presenza dei corsi del I anno (la suddivisione degli studenti in gruppi verrà effettuata nella prima settimana di settembre) e gli orari degli anni successivi al I, con la specifica della modalità di svolgimento (sincrona o asincrona o mista).

Qui di seguito le indicazioni per raggiungere la Sala Congressi ex CTE, sita in Via di Briamasco, 2, partendo dal Palazzo di Giurisprudenza, via Verdi 53.